L’identità culturale degli emigranti

L’identità culturale degli emigranti
Territorio Cultura Ambiente

Avigliano ha recentemente ricordato, attraverso un seminario di studio, la figura di un suo concittadino: Leonard Covello, “personaggio del secolo scorso, ma con un pensiero contemporaneo”.

Leonard è uno dei 758.000 migranti che ha lasciato la Lucania tra il 1850 e il 2005,

Nel Nuovo Mondo, dopo i primi problemi (economici e di integrazione sociale), Leonard si distinse per la forza con cui si oppose alla cancellazione dell’identità culturale degli emigrati convinto che sia diritto di ogni popolo conservare la propria cultura seppur integrandosi con i popoli ospitanti.

Nel 1922 fondò il Dipartimento di cultura italiana nelle scuole statunitensi, nel 1924 fu la volta della Casa della Cultura Italiana. Nel 1934 diede vita ad una scuola-comunità, la Benjamin Franklin High School, nel multietnico quartiere dell’East Harlem, poiché riteneva che la scuola dovesse essere posta al centro dell’intera comunità.

L’attività culturale di Leonard Covello, unitamente al suo pensiero, è efficacemente esplicitato nel racconto autobiografico “The heart is THE teacher” che giunse fortunosamente ad Avigliano negli anni ’70 durante un ritorno “a casa” del suo autore.

Fonte: Il Lucano Magazine